Author Archives: admin

Come Aggiungere Suoni in PowerPoint

Per arricchire le diapositive di una presentazione con un suono di sottofondo, bisogna prendere in considerazione la scheda Inserisci, sezione Clip multimediali e far clic su Audio e dall’elenco che compare selezionare Suono da file.

Dopo aver scelto il file da assegnare come suono di sfondo, si apre, al centro dello schermo, una finestra dove bisogna scegliere tra: Automaticamente o Manualmente. La scelta si rifersice al modo di come verrà avviata la riproduzione dell’audio nella presentazione.

Scegliendo Manualmente, il suono partirà soltanto facendo clic con il mouse sull’icona audio presente nella diapositiva, invece, scegliendo Automaticamente, il suono partirà all’avvio della presentazione.

Per evitare che l’icona del suono sia visibile nella slide dove è stata inserita, dopo averla selezionata, bisogna far clic nella scheda Opzioni, su Nascondi durante digitazione.

Se si desidera che il suono accompagni l’intera durata della presentazione, sempre nella scheda Opzioni, bisogna cliccare sulla freccetta della casella Riproduci segnale acustico, scegliendo dall’elenco, Riproduci tra diapositive e poi spuntare la casella Esegui ciclo continuo fino a interruzione.

Aggiungere e Spostare Testo nelle Diapositive di PowerPoint

All’interno delle diapositive è possibile aggiungere altro testo oltre al titolo e agli elenchi puntati. Il testo aggiunto, tuttavia, non sarà possibile visualizzarlo nella scheda struttura.

Per aggiungere testo supplementare è necessario utilizzare una casella di testo facendo ricorso alle schede Home, gruppo Disegno e/o Inserisci, gruppo Illustrazioni.
Il pulsante che permette di creare una casella di testo è il primo dell’elenco. Dopo aver fatto clic su questo pulsante il puntatore del mouse cambierà aspetto, in quel momento sarà sufficiente cliccare una sola volta nella diapositiva nel punto in cui si desidera inserire il testo e iniziare a digitare.

Sia nel caso della casella di testo sia nel caso del titolo che dell’elenco puntato il testo è presente in aree tratteggiate o delimitate da un bordo, area o bordo che viene visualizzato quando si fa clic sul testo stesso.
In questo caso, il testo diviene un oggetto e per poterlo modificare è necessario selezionarlo clic-cando sul bordo oppure, molto più semplicemente, cliccando su ciò che è stato digitato.
Quando si seleziona il testo, anche con un semplice clic, l’area tratteggiata o dal bordo uniforme presenta dei pallini bianchi, dette maniglie di ridimensionamento, che permettono di sistemare e dimensionare l’oggetto. Quindi, le maniglie di ridimensionamento non hanno la funzione di aumentare o diminuire le dimensioni del testo.

Il pallino verde, invece, consente di ruotare l’oggetto testo.
Per spostare gli oggetti testo in una diapositiva si può:
– effettuare un taglia e incolla;

– trascinare con il mouse. Il trascinamento avviene facendo dapprima clic sul testo e poi posizionando il mouse sul bordo. Tenendo premuto il tasto sinistro del mouse sarà possibile sostare l’oggetto testo dovunque si desideri nella diapositiva.

Quando si inserisce una casella di testo è possibile anche stabilire lo spazio che essa dovrà occupare per la digitazione. Ad esempio, se dopo aver selezionato il pulsante Casella di testofaccio subito clic in un punto qualsiasi della diapositiva e inizio a digitare, il testo che andrò a digitare può continuare all’infinito non andando mai a capo.
Invece, se dopo aver premuto il pulsante Casella di testo traccio un rettangolo o meglio un’area dove desidero che il testo sia inserito, quando digito il testo andrà a capo automaticamente.

Naturalmente, nel caso di testo che prosegue all’infinito la sua lunghezza potrà essere ridotta utilizzando le classiche maniglie di ridimensionamento.
Il testo aggiuntivo può avere non soltanto una disposizione orizzontale, infatti, prendendo in considerazione il pulsante Orientamento testo nella scheda Home, gruppo Paragrafo, sarà possibile:
– ruotare tutto il testo di 90 gradi
– ruotare tutto il testo di 270 gradi
– metterlo in pila (In pila), cioè il testo sarà disposto in verticale.

Molto interessante.

Come Affiancare Finestre in Access

Anche in Access così come in altri programmi è possibile visualizzare più finestre relative a tabelle, query, maschere, report e affiancarle.

Risulta essere sufficiente prendere in considerazione il pulsante Cambia finestre del gruppo Finestra della scheda Home. Dall’elenco si potrà scegliere di:
– affiancare le finestre verticalmente;
– sovrapporle;
– affiancare le finestre orizzontalmente.

Per poter portare in primo piano una finestra tra quelle aperte sarà necessario scegliere dallo stesso elenco la voce che interessa oppure si può scegliere Altre finestre.

Se poi le finestre aperte sono state ridotte ad icona e posizionate in maniera sparsa all’interno della finestra del programma sarà possibile ordinarle allineandole in basso a sinistra, scegliendo, sempre dal menu che si ottiene cliccando sul pulsante Cambia finestre, la voce Disponi icone.

Righello per Pc per Misurare

Quante volte per capire la dimensione di un disegno o di un foglio Word vi siete trovati col righello sul monitor. Magari per controllare l’effettiva dimensione del carattere, o controllare se i margini laterali erano di nostro gradimento, oppure ancora inserire immagini perfettamente centrate in PowerPoint.

Per risolvere il problema e evitare figuracce basterebbe un banale righello virtuale; oggi vi presento JRuler, un programma leggerissimo e semplice, ma che svolge alla perfezione il suo compito.

Se siete esperti di programmazione avrete sicuramente capito che la “J” di JRuler sta per Java, è infatti in questo linguaggio che è scritto il programma. Come tutti gli applicativi Java non necessita di alcuna installazione. JRuler è reperibile totalmente gratis. Una volta scaricato scompattate l’archivio zip, al suo interno troverete due versioni, una versione normale e una Pro, entrambe gratuite.

Il righello in versione base rimane in primo piano sullo schermo in orizzontale per tutta la durata dell’esecuzione, e può essere allungato a piacere. L’unità di misura è il pixel, fornendoci, al passare del mouse, la misura della distanza dal punto “0” a dove si trova il mouse. Col tasto destro è possibile cambiare orientamento, da orizzontale a verticale. La versione Pro cambia solamente nella maggiore personalizzazione.

Estrarre Immagini e Testo da File PDF

I file PDF sono molto utilizzati. Questi ultimi vengono preferiti ai semplici file realizzati .doc per molteplici motivi. Non solo le persone non saranno in grado di modificare il contenuto del documento, difatti potranno solo leggerlo, ma il file potrà contenere qualsiasi immagine senza intaccare la risoluzione soprattutto la qualità.

Può essere, dunque, davvero utile spedire un “qualcosa” tramite questo formato. Quello che però potrebbe “mozzarvi le gambe” è ricevere un tipo di file del genere. In questo caso le regole saranno le stesse: potrete solo visualizzare il contenuto senza poter accedere a nessun elemento.

Solitamente gli utenti usano il software Adobe Reader per aprire i file del genere, ma in pochi sanno che esistono ottime alternative che risultano anche migliori di quest’ultimo. Per quanto il programma sviluppato dalla celebre casa sia di buona qualità, molto spesso risulta davvero pesante e, inoltre, non include particolari opzioni.

Vogliamo consigliarvi un software gratuito denominato Nitro PDF. Il programma vi consentirà di estrarre il contenuto del file.

Le immagini ed il testo, come abbiamo detto, sono parti indivisibili e l’unica cosa che potrete fare per estrarre una figura è quella di utilizzare il tasto “stamp” per fare uno screen del monitor. Con Nitro PDF, invece, avrete un’altra opzione. Nel programma, infatti, trovate delle chiare voci che vi fanno capire la sua potenza: “Extract Text” ed “Extract Images”. Tramite questi utili bottoni, situati in alto al software, avrete l’occasione di esportare il testo o le immagini.

Basterà aprire il PDF e cliccare su uno di questi due tasti. Successivamente comparirà una finestra in cui, volendo, potrete specificare la cartella di destinazione dei contenuti: nella sezione “Output” scegliete la voce “Specific folder”, cliccate sul tasto “Browse” e decidete il percorso.

Infine, dopo essere usciti dalla precedente finestra, selezionate la voce “Convert” . In seguito ad una breve attesa, otterrete i vostri file. Le immagini saranno in formato .png, mentre il testo sarà .txt. Questo significa che avrete l’occasione di estrarre tutta la parte scritta presente nel file senza nessun problema!

1 2 3 4 18