Come Funziona Pinterest e Come Utilizzarlo Online

Pinterest è sempre più utilizzato

Non dovete immaginare una sorta di clone di Facebook, ma un social con tanta personalità e con funzionalità differenti, che abbraccia forse una nicchia di persone; può essere infatti considerato come una sorta di Flickr, ma un tantino più social. Potrete ordinare la visualizzazione e condivisione di immagini e video (che sono il perno intorno a cui ruota Pinterest) in schede, denominate BOARDS, dunque avrete sempre a vostra disposizione tanti contenuti inerenti ai vostri interessi.

Ovvio che il primo passo sarà quello di completare il proprio profilo, arricchendolo  di un avatar “decente”, magari con la vostra immagine reale, aggiungete anche qualcosa su di voi nella sezione “About” e scegliete un username abbastanza immediato, dato che il link del vostro profilo sarà qualcosa come http://pinterest.com/nomeutente

Ogni volta che “Pinni” un contenuto (ovvero che lo condividi), viene messo in mostra il nome dell’album (o meglio bacheca) in cui è stato pubblicato, dunque cerca un nome accattivante e che lo rappresenti a pieno.

Risulta essere giunto il momento di condividere immagini e video, ma ricorda di non esagerare. Cerca inoltre di descrivere brevemente ciò che pubblichi, in maniera tale da arricchire maggiormente i tuoi contenuti.

Il Repin non è altro che l’equivalente del “Condividi” di Facebook, anzi diciamo che è leggermente differente, infatti oltre che a rendere pubblico tra i propri seguaci l’elemento, verrà aggiunto alle nostre bacheche (o album) e precisamente in quella relativa al nostro interesse, ma vediamo capiamolo meglio con un esempio. Supponiamo che Tizio condivida una fotografia artistica nella quale compare la nostra cantante preferita e che figuri nel proprio album “Foto artistiche”; noi potremmo fare un repin e pubblicare tale immagine nella nostra bacheca denominata “Persone che ammiro”.

Il vantaggio di Pinterest è proprio questo, si riescono a creare degli album personali sui propri interessi semplicemente Pinnando i contenuti della homepage, questo è il fulcro di questo social network e rappresenta sicuramente una grande risorsa per differenti categorie di persone e perchè no anche di professionisti, basti pensare come può essere visto ad esempio dagli occhi di un designer o di un fotografo, un vero e proprio contenitore di materiale utilissimo.

Su Like e Comment c’è ben poco da aggiungere, funzionano esattamente come quelli su Facebook che suppongo avrete già utilizzato molto.

Facebook Lento – Cosa Fare

Facebook ultimamente è veramente lento e impiega tanto tempo a caricare, probabilmente anche le grandi strutture e server che reggono in piedi l’intero sistema, ogni tanto soffrono sotto il peso dei numerosi utenti connessi contemporaneamente e le pagine stentano a caricare.Tutto ciò potrebbe essere superato se avessimo una connessione ancora più veloce, dunque in questa mini guida vedremo proprio come fare.

Qualche anno fa Google ha deciso di sviluppare il proprio public DNS, per rendere l’esperienza di utilizzo del web ancora migliore e più fluida, procediamo quindi step by step, cercando di dare delle indicazioni abbastanza chiare per qualsiasi versione di Windows.

Per prima cosa potete andare sul menù START e cercare IMPOSTAZIONI, oppure il PANNELLO DI CONTROLLO e da qui accedere alle CONNESSIONI DI RETE.

Una volta che avrete trovato la vostra connessione tra quelle indicate, cliccateci sopra col tasto destro del mouse e andate alla voce PROPRIETA’, da qui poi vi troverete una finestra con una lista di voci, selezionate quella in cui si parla di “protocollo internet versione 4″, cliccate successivamente su PROPRIETA’.

Ora spuntate la voce “Utilizza i seguenti indirizzi server DNS”, in basso troverete la voce PREFERITO, qui dovete inserire il seguente indirizzo IP:8.8.8.8, mentre nella voce ALTERNATIVO dovete inserire 8.8.4.4

A questo punto cliccate su OK e uscite da tutti questi menù. Tempo qualche minuto e la vostra connessione dovrebbe andare molto più fluida, noterete i benefici su Facebook e potrete smettere di strapparvi i cappelli per la lentezza che ultimamente lo contraddistingue.

Riabilitare Funzionalità Eliminate da Virus

Oggi voglio parlarvi di un programma che sicuramente molti di voi stavano cercando da tanto tempo.Per descrivervelo devo farvi una piccola premessa.

Sicuramente vi sarà capitato di beccare qualche virus informatico sul vostro PC rilevato dal vostro antivirus o dal vostro strumento di sicurezza e protezione. Alcuni virus,che ci crediate o meno,hanno delle caratteristiche particolari che riescono a disabilitare,modificare o addirittura cancellare delle funzionalità del sistema operativo compromettendo l’intero PC.

Ad esempio può capitare che un malware cancelli determinate stringhe dal registro,non apra più il Task Manager,non visualizzi correttamente determinate cose e così via.Peggio ancora è la situazione che si viene a creare quando

una volta eliminato il virus malevolo,le funzioni non sono ancora accessibili ed utilizzabili.

In questo caso viene incontro il programma gratuito Re-Enable offrente varie caratteristiche per attivare le funzionalità di Windows come ad esempio il registro (comando regedit),task manager,ripristino configurazione di sistema,pannello di controllo e tanto altro visualizzabile una volta lanciato il tool.

Scelta la funziona da riattivare basterò cliccare sul pulsante re-enable ed attendere l’avvio del processo di recupero.

Re-Enable offre anche altre voci nel menù tools (strumenti) ove è possibile ripristinare la modalità provvisoria,modificare i file host,file di reset e gli attributi delle cartelle,riparazione desktop e del processoexplore.exe (fondamentale su Windows).

Re-Enable oltre ad essere un programma molto semplice da utilizzare è particolarmente consigliato per ripristinare le funzioni di un sistema attaccato da un virus.Lo sviluppatore del software ha creato anche unaversione Lite che non necessita d’installazione per essere avviata e che richiede il .NET Framework 3.5.

Come Disdire Homepack – Guida

In un articolo precedente abbiamo spiegato come disdire Sky, oggi invece spieghiamo come fare la disdetta Homepack.

Homepack è un’offerta di Sky e Fastweb tramite i quali è possibile ottenere i servizi delle due aziende.
Questo significa che è possibile avere i servizi televisivi di Sky e quelli di connessione di rete di Fastweb.
Si tratta quindi di una soluzione vantaggiosa per chi è interessato a queste offerte.

Nel caso in cui il contratto sia stato sottoscritto a distanza da meno di quattordici giorni, è possibile disdire Homepack senza costi.
La legge prevede infatti il diritto di recesso in queste situazioni.
Se i quattordici giorni sono passati, è comunque possibile disdire Homepack, anche se sono previsti costi per l’operazione.

La disdetta deve essere inviata a Fastweb e Sky separatamente, tramite raccomandata.
Per scrivere il documento è possibile utilizzare i moduli presenti in questa pagina sul sito Disdette.net.
La disdetta Fastweb deve essere inviata all’indirizzo FASTWEB S.p.A – Casella Postale 126 – 20092 Cinisello Balsamo (MI) mentre la disdetta Sky deve essere inviata all’indirizzo SKY CASELLA POSTALE 13057 – 20141 Milano.

Per quanto riguarda Fastweb, se si effettua la disdetta prima di ventiquattro mesi, il costo dell’operazione è 88 euro, se il contratto non prevedeva il costo di attivazione della linea, e 118 euro, se il contratto prevedeva il costo di attivazione della linea.
Per quanto riguarda Sky, se si effettua la disdetta prima di ventiquattro mesi, il costo dell’operazione è 12 euro.

Risulta essere importante ricordare che tutti i dispositivi in comodato devono essere restituiti a Fastweb e Sky per evitare di pagare ulteriori costi.

Programmi per Deframmentare – Disk SpeedUp

Il disco rigido è il componente hardware del PC al quale porgere particolare attenzione ed effettuare quotidianamente manutenzione per mantenerlo sempre in un buono stato di salute consentendo sempre il corretto funzionamento evitando blocchi e rallentamenti.

Quando si vuole incrementare,aumentare e in generale migliorare le prestazioni del discospesso si ricorre allo strumento integrato in Windows che permette di eseguire una deframmentazione attraverso i vari strumenti e funzioni presenti.

deframmentare

Per l’utente poco esperto,la funzionalità di deframmentazione in Windows potrebbe già bastare,ma come tutti voi sapete un buon utente o semplice appassionato deve ricercare soluzioni alternative ricorrendo a utilizzare programmi gratuiti che,oltre a svolgere a pieno regime le funzioni di Windows,offrono caratteristiche aggiuntive che nel nostro caso comprendono anche analisi e ottimizzazione disco.

Uno dei migliori programmi gratuiti per Windows,oltre al già visto Auslogics Disk Defrag, è Disk SpeedUp, ovvero un freeware completo estremamente veloce per eseguire azioni di analisi,deframmentazione e ottimizzazione disco per potere aumentare le prestazioni del HD e in generale del PC.

L’applicazione è sicura e a differenza di software simili non espone nessuna pubblicità e ne tanto meno adware e spyware. Ha una interfaccia intuitiva ed è molto semplice da utilizzare.

Selezionato il disco (o i dischi) si può scegliere di analizzarne il contenuto e di effettuare la deframmentazione.Il processo varia a seconda della dimensione dell’HD e dei file presenti all’interno.

Successivamente,conclusa la deframmentazione,è possibile eseguire l’ottimizzazione del disco per migliorarne le prestazioni e aumentarne la velocità.

Altre funzionalità riguardanti sono il poter impostare un defragautomatico che verrà svolto anche quando il PC è inattivo e spegnimento automatico del computer completato il processo di deframmentazione.

Inoltre sono presenti anche delle impostazioni avanzate per soddisfare le richiesta degli utenti ” pignoli ” come ad esempio l’Auto Start Up con l’avvio dell’OS e alcune voci opzioni riguardanti la personalizzazione per ottimizzazione e deframmentazione in cui sarà possibile escludere e ignorare file e cartelle specifiche..

1 2 3 15