Casella di Controllo in Access

n una maschera che presenta un campo Sì/No è possibile posizionare una casella di controllo che permetta di visualizzare un segno di spunta quando il valore del campo è Si. Nel caso contrario la casella rimane vuota.

Una casella di controllo viene creata in Visualizzazione Struttura (scheda Home, gruppo Visualizzazioni) utilizzando poi il riquadro Controlli nella scheda Progettazione.

Essa viene inserita facendo clic nel punto della maschera desiderato. Dopo aver rilasciato il mouse, la casella di controllo dovrebbe, automaticamente, associarsi al campo avente come tipo dati Sì/no oppure Vero/Falso oppure ancora On/Off; nel caso in cui non sia così, bisogna far ricorso alla finestra delle proprietà che si trova a destra della schermata del programma e scegliere nella scheda Dati, dall’elenco, in corrispondenza della voce Origine di controllo, il campo della tabella avente tali caratteristiche.

Risulta essere preferibile assegnare un nome alla casella di controllo intervenendo nella casella dove è riportato il testo CasellaControllo seguito da un numero, inoltre, tale casella può essere anche modificata nelle dimensioni grazie alle cosiddette maniglie che si formano ponendo il mouse su uno dei quattro angoli della casella stessa.

Come Cambiare Nome in Word

Per poter cambiare il nome utente della persona che utilizza il programma è necessario prendere in considerazione il pulsante Office, che si trova in alto a sinistra.

Dal menu che viene visualizzato si clicca su Opzioni di Word. Appena si apre la finestra vi è la casella Nome utente dove si può inserire il nome che si desidera.
Nella casella sottostante, invece, è possibile digitare le Iniziali. Al termine, per rendere effettive le modifiche apportare, occorre cliccare su Ok.

L’opportunità di cambiare il nome utente può nascere per motivi di privacy. Infatti, soprattutto nel lavoro le possibilità di condivisione sono molteplici. Non tutti sono a conoscenza del fatto che all’interno di un file di Word, e non solo, vengono memorizzate informazioni personali, a volte, anche la propria posizione lavorativa e altri dati che potrebbero essere utilizzati da malintenzionati per scopi diversi qualora ne entrassero in possesso anche accidentalmente.

Quindi, per evitare di incorrere in spiacevoli problemi è preferibile utilizzare la funzione Controllo documento che permette di rimuovere elementi strettamente personali. Il Controllo documento lo si attiva tramite il pulsante Office, voce Prepara.

Come Imparare la Grammatica Online

Oggi proponiamo una lista di siti utili per imparare la grammatica online.
Si tratta di strumenti di vario tipo, che possono essere utilizzati gratis e senza registrazione per migliorare le proprie conoscenze su questo argomento.

Cominciamo con il sito Treccani.it, che risulta essere sicuramente uno dei siti più utili per chi vuole imparare la grammatica online.
Il sito mette a disposizione degli utenti un vocabolario completo, un dizionario dei sinonimi e propone anche varie guide su come scrivere in modo corretto.
Si tratta sicuramente di un ottimo punto di partenza.

Un’altra risorsa utile, per chi vuole approfondire gli argomenti, è rappresentata dal sito Accademiadellacrusca.it.
Il sito è uno dei più completi presenti in rete e mette a disposizione diversi approfondimenti sulle parole e sulla loro origine.
Molto interessanti risultano essere anche discussioni presenti sul sito, tramite cui è possibile chiarire i propri dubbi in modo semplice e veloce.

Un altro sito che risulta essere utile per chi desidera imparare a scrivere le parole è Linguaegrammatica.com, su cui troviamo guide che risolvono i dubbi su come scrivere le parole che causano gli errori più frequenti.
Troviamo anche diverse guide sulle regole grammaticali da seguire.

Un’altra risorsa interessante è rappresentata da Loescher.it.
Il sito mette a disposizione infatti diverse guide sulla grammatica italiana.
Gli articoli sono di vari livelli, risultano essere quindi adatti a tutti.

La rete offre quindi numerosi strumenti per imparare a scrivere in italiano nel modo giusto.

Come Utilizzare Bordi e Sfondi in Word

Per poter far risaltare una parte di un documento, non bisogna usare la sottolineatura soprattutto se la parte da porre in rilievo riguarda un intero paragrafo, ma si può ricorrere ad un bordo.

Per assegnare un bordo ad un paragrafo è necessario dapprima selezionarlo. Quindi, bisogna cliccare tre volte al suo interno e poi, nella scheda Home, sezione Paragrafo, si deve prendere in considerazione la linguetta del pulsante Bordo inferiore e, dall’elenco che si apre, scegliere Bordi e sfondo.

Nella finestra omonima che viene visualizzata è possibile selezionare del bordo:
– lo Stile;
– il Colore;
– lo Spessore.
Sul lato destro della finestra vi è l’anteprima, cioè la possibilità di verificare le scelte operate e/o di controllare se sono visibili i bordi; nel caso in cui i bordi non compaiano è possibile attivarli facendo clic sui pulsanti che si trovano al di fuori del riquadro dell’anteprima.
Prima di cliccare sul pulsante Ok bisogna dare uno sguardo alla casella Applica a:, in tale casella, deve essere presente la voce Paragrafo.
Se, invece, è presente Testo, ogni rigo avrà un bordo, e questa non è una scelta consigliata.

Come Bloccare Riquadri in Excel

A volte può essere utile bloccare lo scorrimento di una riga o di una colonna. Questa operazione viene eseguita utilizzando la scheda Visualizza pulsante Blocca riquadri. Ad esempio, si supponga di voler bloccare la prima riga di una tabella di numerose righe.

Per far questo bisogna selezionare la prima riga e dall’elenco del pulsante Blocca riquadri occorre cliccare su Blocca riga superiore oppure su Blocca riquadri.

Invece se il blocco della riga è diversa dalla prima, bisogna selezionare la riga successiva a quella da bloccare e poi bisogna prendere in considerazione soltanto Blocca riquadri. Altrettanto dicasi se si desidera bloccare una colonna: bloccare una colonna diversa dalla prima significa unicamente far riferimento alla voce Blocca riquadri.

Per togliere il blocco da una riga o da una colonna dall’elenco è necessario scegliere Sblocca riquadri.

1 2 3 18